it en

Rassegna Stampa

21 • 02 • 2020
La Nazione
17 • 02 • 2020
The Buyer

The Tuscan estate of Ciacci Piccolomini d’Aragona is producing some of the most renowned Brunello and Rosso di Montalcino wines, along with a number of other wines using international varieties. Its top Brunello from the 2015 vintage has just been awarded 100 points by James Suckling and well it might – it’s a beauty. At its UK launch winemaker Paolo Bianchini showed off all of his new wines to a select group of wine buyers, alongside those of another classic Brunello vintage, 2010, as well as divulge the incredible-but-true story of how his family came to own this historic estate.

 

“When (my father) Giuseppe discovered about the heritage of the estate he was alone so he called the entire family together and told them ‘let’s see you all at home’ and when he came he was quite strange… his expression was not something easy to understand,” recalls Paolo.

It’s the thing of movie scripts. The cast includes a hard-working farmer, a rich countess, a bishop’s palace dating back to the Seventeenth Century, 220 hectares of rolling Tuscan hills and farmland, and some of the world’s best wine. If the film was made in Italian it would have been directed by Luchino Visconti with the part of farmer Giuseppe Bianchini played by Burt Lancaster or Robert De Niro with the countess Elda Ciacci played by none other than Sophia Loren. The film would involve quite a few sunset scenes, naturally, cinematographer Vittorio Storaro capturing perfectly the purple hue as it dances off the plump bunches of Sangiovese that will be used to make the estate’s top Brunello di Montalcino. But Ciacci is a real-life character, a countess who in the early Twentieth Century married count Alberto Piccolomini d’Aragona a direct descendant of Pope Pious II and lived in the palace which then became known as the Ciacci Piccolomini d’Aragona palace. Giuseppe Bianchini was the farmer of the estate who managed the vines, olive trees and the rest of the 220 hectares of this stunning Tuscan property. For years he worked tirelessly keeping the estate running like clockwork, even after the count died.

But then on a sad day in 1985, the countess herself died – an event that could have seen Giuseppe say ‘arrivederci’ to his life’s work and seek gainful employment elsewhere. Except for one small detail. Elda gave the entire estate, all 220 hectares of it, a palace with historic cellars, vines, trees, everything to Giuseppe – lock stock and barrel – as a gift. Giuseppe’s son Paolo Bianchini, sitting in the bar of It the new, on-trend Mayfair Italian restaurant recalls the day.

“When Giuseppe discovered about the heritage he was alone so he called the entire family together and told them ‘let’s see you all at home’ and when he came he was quite strange his expression was not something easy to understand and then he started to cry… he explained everything to the family and he said that the last words that were written by the Countess were ‘I am sure that by doing this my name will be famous all over the world, because Giuseppe knows exactly what I want and he has the philosophy to produce a great quality winery’. ”In the (yet to be made) movie version of this story the Ennio Morricone score would build to a crescendo.

 

Maintaining the legacy

Since that day Giuseppe and now his two children Paolo and Lucia Bianchini have done just that – turning the estate into one of the top producers in Montalcino, planting new vines, introducing a Brunello in 1990, increasing production, introducing new varietals, building a state-of-the-art winery and new cellar – and raising the quality threshold across the board. Although the palace has cellars dating back centuries, wine historically was only made for personal consumption and to give to those working on the estate. Today Ciacci Piccolomini d’Aragona produces 74,000 bottles of Brunello di Montalcino DOCG from the youngest Sangiovese vines and then, in the best vintages, 37,000 bottles of Brunello di Montalcino DOCG Pianrosso from the oldest vines grown on a 12 ha vineyard that has the best terroir. Both wines are aged in large format Slovenian oak, the Pianrosso for one year extra than the straight Brunello, with eight months in bottle. In perfect vintages the estate produces a Brunello di Montalcino DOCG Riserva Santa Caterina d’Oro which is aged in smaller format Solvenian oak, aged for 36 months and then has a year in bottle. This has only been produced in 2004, 2006, 2007, 2010, 2012 and 2015 vintages. Given that critic James Suckling gave 100 points to the latest vintage of Brunello di Montalcino DOCG Pianrosso 2015, one can only wonder what he will give the Santa Caterina d’Oro when it comes out next year. Presumably his palate will ‘go to 11’!

Ciacci Piccolomini d’Aragona also makes two earlier-drinking Rosso di Montalcino DOC, 68,000 bottles of the Rosso and 10,000 of the Rossofonte which has more rigorous selection and gets released 12 months after the Rosso. It also produces a 100% Syrah (one of the first estates in Montalcino to do so) called Fabivs, and a Cabernet Sauvignon/ Merlot blend called Ateo (8,000 bottles of the former and 25-27,000 bottles of the latter). Both these wines are made under the ‘umbrella’ DOC of Sant’Antimo that allows these grape varieties where Montalcino only allows Sangiovese by law. And, the estate produces its own olive oil, grappa and is highly active in oeno-tourism. Apart from upgrading the winemaking and expanding production, Paolo and Lucia have increased penetration into overseas markets. 70% of all the wine made is exported with the US accounting for 40%, Germany, the UK and Sweden being other key markets. And so down to tasting the new vintages

Ciacci Piccolomini d’Aragona, Rosso Di Montalcino Rossofonte 2015. This field selection from a three hectare parcel of Sangiovese Grosso, spending one year in 7.5-20 hl Slovenian oak and then eight months in bottle is great value (£26 retail). In the glass it is see-through ruby, with complex aromas of ripe cherries, liquorice, pipe tobacco; the mouthfeel is deceptive – at first rounded, lovely ripe tannins and then a little grip on the finish.

Ciacci Piccolomini d’Aragona, Brunello Di Montalcino 2015. Mid-deep ruby; lifted aromas of black fruits, liquorice, potpourri; the palate is so smooth and voluptuous, fruity, slightly spicy, the ripe tannins and acidity are so well integrated, terrific balance and (discreet but present) structure. The finish is very long with a little lick of blood orange, more so than on the other Brunellos. This is a new release or, as Paolo described it “My new son…growing up.”

Ciacci Piccolomini d’Aragona, Brunello Di Montalcino 2010. Russet edges/ bricking; secondary character on nose and palate, woody aromas, touch of incense, mulberry; the palate is evolved and deliciously smooth. Complex flavours of ripe red and black fruits, soy, blood orange twist, Rumptopf cherries. Completely ready to drink, well evolved but could easily keep for another decade.

Ciacci Piccolomini d’Aragona, Brunello Di Montalcino Pianrosso 2015. Only made in the very best vintages, this is a very special single vineyard Brunello di Montalcino from Ciacci Piccolomini d’Aragona and is a noticeable step up from the Brunello. Deep ruby-russet in colour; intoxicating aromas of ripe strawberries, dried cherries, liquorice, hint of black cardamom; medium to full bodied, fresh bramble fruit, wild herb, rounded mouthfeel with just enough hit of sandpaper tannins in the finish. Delicious. Awarded 100 points by James Suckling.

Ciacci Piccolomini d’Aragona, Brunello Di Montalcino Pianrosso 2010. Sensational. The class of this cuvée is really shining through here and the wine feels much less evolved than the Brunello Di Montalcino 2010 – this is still in its primary drinking window I’d say. Deep ruby; complex aromas of blackberry, dried rosemary, balsamic, touch of sweet tobacco, sandalwood; terrific depth of flavours – rich, black fruit, tar, prune, cake spice. Great balance, and firm structure holding it all together. Still evolving for at least another decade.

The wines of Ciacci Piccolomini d’Aragona are imported and sold in the UK by Mentzendorff.

By Peter Dean

 

 

17 • 02 • 2020
Montalcino news

Favorita da condizioni meteo poco invernali e da un sole piacevole, la quarta edizione della Brunello Crossing è andata in archivio con un bello spettacolo di sport e amicizia. Il territorio di Montalcino per l’intero weekend ha messo in vetrina tutte le sue eccellenze (enogastronomiche, paesaggistiche…) di cui è ricco davanti ad una platea di 18 nazionalità arrivate specificamente per partecipare all’evento. Una manifestazione, la Brunello Crossing, che si dimostra in salute con potenzialità importanti per il futuro. Questi, invece, i vincitori maschili e femminili della Brunello Crossing, suddivisi per categorie:

Trofeo Banfi (45 km):1. Riccardo Montani (3:31:16) 2. Gabriele Fior (3:43:26) 3. Cristian Camanini (3:47:15).1. Maria Elisabetta Lastri (4:36:03) 2. Elisabetta Luchese (4:48:26) 3. Melissa Paganelli (4:54:43).

Trofeo Ciacci Piccolomini d’Aragona (24 km):1. Gabriele Pace (1:46:10) 2. Matteo Anselmi (1:54:23) 3. Daniele Donna (1:55:50).1. Annalaura Mugno (2:09:21) 2. Ginevra Cusseau (2:13:11) 3. Monica Baldini ( 2:29:21).

Trofeo Barbi (14 km):1. Gabriele Bacchion (0:55:57) 2. Fabio Salotti (1:04:40) 3. Cristiano Fois (1:08:20).1. Pina Deiana (1:09:55) 2. Cristina Gamberi (1:18:57) 3. Valeria Di Francesco (1:22:41).

In foto, Gabriele Pace.

 

15 • 02 • 2020
Montalcino news

Una degustazione digitale di Brunello con Microsoft. È l’idea innovativa di Ciacci Piccolomini d’Aragona, che il 18 febbraio presenterà le nuove annate in collegamento video con Milano, sede di Microsoft Italia, dove un gruppo di 16 persone composto da sommelier, giornalisti e dipendenti del colosso di Bill Gates parteciperanno alla degustazione dei tre vini dell’azienda guidata da Paolo e Lucia Bianchini (Brunello 2015, Brunello Vigna di Pianrosso 2015 e Rosso di Montalcino 2018) più 385, il vino creato a quattro mani con il Gruppo Meregalli, blend di Sangiovese, Merlot, Ciliegiolo e Syrah, che prende il nome dai metri sopra il livello del mare dove ha sede Ciacci Piccolomini d’Aragona, a Castelnuovo dell’Abate. Nel corso dell’incontro sono previsti anche un commento di un esperto Microsoft su Teams, la piattaforma di comunicazione che permetterà il collegamento video, e un discorso di Meregalli sul come la tecnologia possa aiutare il settore vitivinicolo. Un esempio arriva proprio dalla degustazione digitale, che permette di risparmiare tempo e denaro.

 

13 • 01 • 2020
Montalcino news

Il portale specializzato in fine wine Wine-Lister ha stilato una lista dei “Must Buy”, i vini nati 10 anni fa che vale davvero la pena di portare in cantina per qualità, potenziale di invecchiamento e rivalutazione economica. Nella classifica, in ordine decrescente, troviamo il Brunello di Montalcino della Tenuta Greppo di Biondi Santi, il Brunello di Montalcino Sugarille di Pieve Santa Restituta (Gaja), il Brunello di Montalcino di Conti Costanti, il Brunello di Montalcino Vigna di Pianrosso di Ciacci Piccolomini d’Aragona, il Brunello di Montalcino Riserva di Capanna, il Brunello di Montalcino di Mastrojanni, il Brunello di Montalcino di Sesti, il Brunello di Montalcino Montosoli di Altesino e il Brunello di Montalcino di Cupano. Tutti, ovviamente, dell’annata 2010.

10 • 01 • 2020
Montalcino news

Febbraio è il mese in cui Montalcino si “risveglia”. Tante gente arriverà in occasione di Benvenuto Brunello, uno degli appuntamenti simbolo del mondo del vino. Ma una settimana prima i riflettori saranno tutti sulla Brunello Crossing (15 e 16 febbraio) che ormai è pronta a celebrare la sua quarta edizione. Il format è ormai collaudato, con le tre distanze competitive di 45 km (Trofeo Banfi), 24 km (Trofeo Ciacci Piccolomini d’Aragona) e 14 km (Trofeo Barbi), tutte con partenza e arrivo da Piazza del Popolo e che attraverseranno la Valdorcia, le zone simbolo del Brunello e piccoli ma incantevoli borghi come Castelnuovo dell’Abate e Sant’Angelo in Colle. La non competitiva è la “Walk & Nordic Walking” di 13 km con partenza da Torrenieri (ci sarà un servizio navetta per il collegamento con Montalcino) e “un assaggio” anche di Via Francigena. Tre soste intermedie presso le cantine di Siro Pacenti, Canalicchio di Sopra, Franco Pacenti - Canalicchio che offriranno un assaggio a base di prodotti locali e Rosso di Montalcino. Il weekend sarà anche un’opportunità per visitare cantine, conoscere e degustare lo zafferano e imparare a fare la pasta a mano con delle “maestre” d’eccezione come le massaie montalcinesi! “Per adesso siamo a circa 750 iscritti - commenta Alessio Strada, organizzatore dell’evento - con un +15/20% rispetto allo scorso anno. Ci si potrà iscrivere fino alla settimana prima dello start, anche se probabilmente per la passeggiata le iscrizioni termineranno prima considerando le tante richieste in arrivo”.

02 • 01 • 2020
Montalcino news

C’è anche il Brunello di Montalcino Pianrosso Riserva Santa Caterina d’Oro 2012 di Ciacci Piccolomini d’Aragona tra i migliori assaggi del 2019 di Gazzagolosa, la rubrica de La Gazzetta dello Sport dedicata all’enogastronomia. “Lo zenit della produzione di Ciacci Piccolomini, la cantina che Paolo Bianchini ha fatto crescere con passione e competenza. Uno dei grandissimi rossi italiani”, scrive il vicedirettore della “rosea” Pier Bergonzi nell’edizione del 27 dicembre.

01 • 01 • 2020
Wine Critic

Siamo pronti a vedere qualcosa di straordinario nella bellezza e nella qualità dei Brunello di Montalcino 2015 e aspettiamo con ansia la loro uscita sul mercato. Ogni vino prodotto supera gli standard qualitativi a cui siamo stati abituati finora principalmente per la qualità organolettica e sensoriale delle uve e l’impostazione dolce e soffice nelle estrazioni da parte dei produttori in cantina.

Lentamente si è andati verso una direzione di piacevolezza importante sin da subito con vini che esprimono la propria essenza unicamente nella qualità del frutto, nel ritorno aromatico nell’ “aftertasting” e ovviamente nell’equilibrio acido-tannico.

I vini rossi si differenziano principalmente dai vini bianchi per essere tridimensionali ed avere nella propria struttura 3 componenti: Acida, Dolce e Tannica (Solo acida e dolce per i vini bianchi).

I tannini sono fondamentali per donare potenza nella struttura e formano insieme agli antociani e numerosi altri composti la vera ricchezza dei vini rossi.

Spesso parliamo molto di tannini nei vini rossi perchè è proprio dalla loro struttura che si può intuire la grandezza e la qualità di una grande annata, ed i tannini dei Brunello di Montalcino 2015 tendono alla perfezione.

Perfettamente maturi e di natura vellutata, i tannini del Sangiovese più famoso d’Italia mostrano nell’annata 2015, concentrazione, compattezza e solida e brillante qualità. Accarezzano dolcemente il palato e sono completamente fusi nella matrice del vino creando un perfetto equilibrio insieme alla componente Acida e Dolce. Questo è stato possibile grazie all’andamento stagionale che ha generato vini equilibrati in tutte le componenti. Gli inverni poco piovosi e non molto rigidi nelle temperature basse hanno lasciato spazio lentamente ad una primavera equilibrata ed in media stagionale con le temperature di 22-24 gradi Celsius. Pochi i fenomeni di escursione termica registrati in primavera. Il mese di luglio è stato molto caldo e ha visto toccare e superare i 40 gradi nella parte centrale del mese anticipando e portando avanti la maturazione delle uve e l’invaiatura di circa 10 giorni. La pioggia di fine luglio ha ristabilito l’equilibrio e aperto la strada ad un agosto caldo ma con importanti escursioni termiche, fondamentali per la concentrazione degli aromi e nel garantire una buona acidità nelle uve. Le piogge di inizio settembre hanno donato nuovamente equilibrio nel complesso e permesso ai produttori di aspettare la maturità fenologica senza problemi. Fondamentali le due settimane dopo il 5 Settembre fino a fine mese dove sono state registrate temperature prossime ai 33 gradi completando del tutto la maturazione delle uve su tutti e 4 i versanti di Montalcino. D’importante rilevanza il fenomeno piovoso del 10 Ottobre con 30 mm di pioggia, ma a quel punto la maggior parte dei produttori avevano già vendemmiato.

Il Brunello di Montalcino 2015 brilla nella qualità e mostra precisione e maestria d’esecuzione in numerosi produttori sin da subito, sarà l’affinamento in bottiglia a completare l’opera. I grandi vini che troveremo al più presto nelle migliori enoteche italiane non sono solo frutto della straordinaria annata…

Per produrre un grande vino, c’è bisogno di grande “terroir” e grandi “Vignerons” o meglio tradotto all’italiana Grandi Territori e Grandi Vignaioli, e Montalcino anno dopo anno si conferma un leader nel settore portando l’eccellenza Toscana ed Italiana nel mondo.

A Gennaio 2020 saranno rilasciati sul mercato i Brunello di Montalcino 2015 e noi siamo già eccitati per assaggiarli e conservarli in cantina, e tu?

 

I miei punteggi

Ciacci Piccolomini d’Aragona           Brunello di Montalcino          Pianrosso        2015    99/100

Preciso al naso e dal carattere esuberante mostra mille sfumature di rosso nel calice e sentori di prugne nere, cassis, foglia di mirto, radice di ginseng e bergamotto. Si esalta e completa grazie ai sentori di petali di rosa appassita e rosa canina. Corpo pieno, tannini setosi senza cuciture, che accarezzano il palato e accompagnano durante la progressione ed un finale vivace e di egregia qualità. Un capolavoro prodotto a Montalcino in un’annata straordinaria in Toscana. Meglio dal 2022.